Seleziona la lingua: 
View this site in ENGLISH
Visualizza il sito in ITALIANO
 

Calendario eventi

Prossimamente...

Nessun evento.

Itinerario N. 3 - Isola di Polesine Camerini

(indicato sulla cartina con 3 in arancione)

Itinerario base km.30

IT03_0001 (Foto di Daniele Soncin)  IT03_0002  IT03_0003


Si parte dalla Piazza di Polesine Camerini. Dopo una sosta a Palazzo Camerini, costruito nell’800 e testimone delle origini di queste terre, si sale sull’argine del Po di Tolle e subito si incontra l’Oasi di Volta Vaccari: un fitto bosco di salici, frassini e pioppi all’interno di una golena che ospita anche numerose specie di uccelli. Arrivati nei pressi della centrale termoelettrica di Polesine Camerini è possibile visitare il Centro Informazioni Enel e l’Oasi di Albanella. Seguendo la strada che gira attorno alla centrale si possono osservare: Pila. Sull’altra sponda del fiume, la diramazione della Busa di Tramontana e la Sacca del Canarin, dove si trova un porticciolo con i capanni dei pescatori ed un punto di raccolta delle vongole.Raggiunta l’idrovora Boscolo, una delle prime costruite nel Delta, si costeggia l’argine fino ad arrivare in località Forti proprio di fronte all’abitato di Scardovari. Lungo questa parte dell’itinerario si potranno avvistare con facilità falchi di palude e albanelle, oppure, nelle risaie, garzette, cavalieri d’Italia e Aironi cenerini. Il duplice paesaggio consente di osservare i canneti, lo scanno del Bastimento e le foci del Po di Tolle da una parte, dall’altra invece, coltivazioni del grano, barbabietole, meloni e pomodori. Ancora pochi Km e si raggiunge nuovamente Polesine Camerini.

BIRDWATCHING:
All’interno del fitto bosco ripariale dell’ Oasi di Volta Vaccari, non sarà difficile vedere la caratteristica Upupa o il Picchio Rosso Maggiore, assieme a numerose specie di passeriformi.
Nel vecchio alveo del Po ora, non più in comunicazione con la zona attiva della corrente, sostano invece numerose specie di anatre, svassi e aironi.
L’Oasi di Albanella può allo stesso modo presentarci una zona caratteristica per la sosta e la nidificazione di numerose specie di passeriformi.
Continuando poi costeggiando la strada arginale, in località Forti, di fronte all’abitato di Scardovari, si potranno avvistare con facilità falchi di palude e albanelle, garzette cavalieri d’Italia e aironi cenerini, assieme ai più numerosi ma anche più difficili da vedere abitanti del canneto come l’Usignolo di Fiume, il Canareccione e la Cannaiola.

Cartelli turistici parlanti:
Durante il percorso nell’Isola della Donzella troveremo 8 cartelli di zone ad interesse turistico con l’indicazione del numero verde gratuito 800745551 e il cod. della località in cui ci troviamo. Chiamando il n° potremo avere informazioni approfondite relative al luogo in cui ci troviamo.

Punto Turistico [Cod. da digitare sul telefono]
Polesine Camerini [024]